La Francia è diventata un arcipelago - Marat n. 8

Il paese si racconta come unito e omogeneo, ma si è scoperto diviso in tante isole che non comunicano tra loro. Accontentare e blandire tutte sarà impossibile in campagna elettorale

Secondo la Treccani un arcipelago è un «raggruppamento di isole sparse nel mare ma abbastanza vicine tra loro e a volte con caratteristiche morfologiche analoghe». Non solo, il termine «ha assunto nel linguaggio giornalistico il significato generico, che di volta in volta si precisa nei diversi contesti, di unione di “isole”, cioè di gruppi, comunità o anche persone singole, isolate l’una dall’altra ma affini per condizioni socio-politiche o per orientamento ideologico, e in rapporto di reciproco e più o meno intimo scambio sia tra loro sia anche, spesso, con gli elementi che costituiscono altri “arcipelaghi”».

Seguendo questa definizione, un sociologo francese, Jérôme Fourquet, direttore del dipartimento opinioni dell’Istituto di sondaggi Ifop, ha scritto un lungo e documentatissimo saggio che si intitola, appunto, L’Arcipelago francese. La tesi di Fourquet è che la Francia, malgrado l’idea comune che la racconta come una nazione unita e omogenea, si stia «disarticolando», e stia dive…

This post is for paying subscribers